Opera Uno

Antonietta Pezzullo

Pezzullo-Antonia_250Antonietta Pezzullo, poetessa e narratrice, è nata nel 1966 a Sydney (Australia), dove è rimasta  fino all’età di 6 anni.

Così l’autrice si presenta:

Nel 1972  la mia famiglia è ritornata a vivere in Italia, in un paesino della provincia di Benevento che ho poi  lasciato a 20 anni per trasferirmi definitivamente a Roma, inizialmente con la scusa di un lavoro. In realtà per me era un sogno che si avverava e che avevo perseguito con tenacia fin dall’adolescenza. C’è chi a 13 anni sogna l’abito bianco e chi come me un viaggio verso la libertà, la scoperta di sé, dei propri limiti e delle proprie capacità. Fremevo allora nell’attesa di vedere cosa potessi mai riuscire a fare da sola.
In questa città è iniziata la mia avventura verso l’indipendenza lavorando. Sostenendomi da sola ho ripreso gli studi che avevo lasciato, ho comprato un appartamentino e mi sono laureata in Lettere e Filosofia  con Indirizzo Storico, nel 1999.
Quando mi ero iscritta non pensavo realmente di farcela, invece tra un “volli sempre volli fortissimamente volli”, le preghiere e tanta buona volontà, dopo 6 anni l’obiettivo era stato raggiunto, ma ne avevo pronto in tasca subito un altro: lavorare in una biblioteca.
Allora ho iniziato, con l’attività di volontariato, a collaborare in piccoli progetti, poi un po’ più grandi presso la Biblioteca Nazionale Centrale, Cooperative di Catalogazione, l’Accademia Nazionale di Danza e altri Istituti di Roma.
Attualmente lavoro come bibliotecaria presso la Fondazione Alcide De Gasperi.
Vivo con mio figlio, che ha 11 anni e nel poco tempo libero che mi rimane o che lui mi lascia, scrivo. 
Ho iniziato a scrivere, a raccontarmi, per solitudine, dolore, amarezza, impotenza, per cercare un sollievo alle mie ferite e alle iniquità profonde della vita. Scrivere mi libera, mi riscatta, mi aiuta a dare vita  alle mie emozioni, ai desideri, ai personaggi e alle situazioni che affollano e comprimono  la mia anima e che grazie al bianco e al nero possono esistere.

Con la raccolta di poesie “Orizzonti di nebbia” Antonietta Pezzullo si è classificata tra i finalisti del concorso Opera Uno 2011.

Dell’autrice Opera Uno propone alcune poesie e la presentazione del libro “I neuroni alla riscossa“.

Annunci

Opera Uno

Opera Uno. Rassegna di autori, libri e creatività letteraria

Inserisci qui sotto il tuo indirizzo di posta elettronica per ricevere le notifiche sugli aggiornamenti del sito.

Alcuni amici di Opera Uno

Questo sito fa uso di cookie

Questo sito, come tutti quelli ospitati sulla piattaforma WordPress.com, utilizza cookie per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Potete rifiutare l'uso dei cookie cambiando alcune impostazioni del vostro browser. Per maggiori informazioni consultate la pagina Privacy.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: