Opera Uno

Il bambino che seppelliva chitarre

Il bambino che seppelliva chitarre, romanzo di Sergio Cardinaliromanzo di Sergio Cardinali
Edizioni Creativa

« Non ero compatibile… e, infatti, non volevo esserlo. Io ero perfettamente inserito nel piedistallo della mia personalità, ero in sintonia costante con la mia anima e la materia del mio corpo, che solo per un curioso scherzo del destino, si era trovato a convivere con il mondo intero. Io mi sentivo l’unico normale confuso in un’umanità bislacca. L’unico conforme alla norma in un pianeta di disadattati ».

Queste le parole di Paolo, protagonista di una storia di amicizia e di amore che inizia negli spensierati anni Sessanta. Paolo e Daniela sono due bambini legati da una profonda amicizia. Abitano nello stesso condominio e diventano complici di ogni situazione, perfino quelle più bizzarre. A causa della strana personalità di Paolo, a Daniela viene impedito dai famigliari di frequentarlo. Non solo i genitori della bambina, ma tutto il paese prende a guardare il ragazzino con terrore e diffidenza, costringendo la famiglia a trasferirsi lontano, in un piccolo paese dei monti Sibillini. Paolo ragazzo e poi adulto, continua a compiere azioni che solo la sua coscienza accetta e giustifica, senza che questo gli impedisca di diventare un medico e di conquistarsi, a causa di un episodio a lui favorevole, la stima dei suoi concittadini. Daniela intanto si è sposata e ha avuto un figlio, ma i suoi pensieri subiscono di continuo la pressione della nostalgia per una vita diversa e per il suo amico d’infanzia. Entrambi vivranno la loro vita con l’attesa di un incontro e di una svolta determinante per le loro esistenze.

Il quarto romanzo di Sergio Cardinali trova conferma della sua arte narrativa e nuovo rilancio. “Il bambino che seppelliva chitarre” è un felice connubio di misura e di potenza espressiva che percorre un sentiero più nitido e serrato delle altre opere dello stesso autore. La storia scivola leggera sulla vita dei due protagonisti e induce a  riflessioni profonde e affatto scontate. Il lettore troverà le testimonianze vive di un’umanità che credevamo disperse, di un sentimento di amicizia affettuosa capace di sopravvivere a tutte le intemperie della vita. Amicizia che toccherà il confine con l’amore ed evidenzierà la paura di amare da parte dei due protagonisti. Apprezzabile la strategia di consegnarci le pieghe più recondite di questa vicenda facendo leva sui due diversi punti di osservazione, consentendo all’autore di esplicitare emozioni, che attraverso una convenzionale modalità di scrittura sarebbero andati perse.

Il libro – che è stato adottato come testo scolastico da due istituti superiori della città di Jesi, dove lo scrittore vive, lavora e dirige la scuola musicale G.B. Pergolesi – è risultato vincitore del II Concorso di Letteratura a carattere internazionale della città di Pontremoli, ha ricevuto segnalazione di merito alla XXVI edizione del premio internazionale di poesia e narrativa “Cinque Terre – Golfo dei poeti”, è inserito nei 15 finalisti del VII premio letterario “Giovane Holden di Lucca” e si è classificato al 3° posto al concorso di Creatività Letteraria 2013.

Opera Uno

Opera Uno. Rassegna di autori, libri e creatività letteraria

.

Questo sito fa uso di cookie

Questo sito, come tutti quelli ospitati sulla piattaforma WordPress.com, utilizza cookie per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Potete rifiutare l'uso dei cookie cambiando alcune impostazioni del vostro browser. Per maggiori informazioni consultate la pagina Privacy.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: