Opera Uno

Natalia Bondarenko

Natalia BondarenkoNatalia Bondarenko è nata a Kiev, nell’ex Unione Sovietica. Già da piccola ottiene ottimi risultati in pittura, scrittura e musica.

Nel 1985 si laurea presso l’Accademia della Musica di Minsk (Bielorussia); lavora in seguito presso la Filarmonica Statale di Bielorussia e tiene concerti in tutta l’Unione Sovietica, l’ex-Jugoslavia, la Bulgaria e la Germania.

Nel 1990 si trasferisce in Italia e ritorna alla sua vecchia passione per la pittura. Attualmente è una presenza costante nella giovane arte friulana, in quanto partecipa a numerose mostre personali e collettive e a manifestazioni fieristiche nazionali ed internazionali.

Scrive da sempre nella sua lingua madre, in particolare ha scritto sceneggiature per spettacoli universitari, poesie, racconti e romanzi. Ha tradotto in italiano opere poetiche e narrative di autori russi e ucraini.

Scrive in lingua italiana solo da alcuni anni riscuotendo un notevole successo, anche affermandosi in premi letterari. Sue poesie sono inserite nelle antologie di diverse case editrici italiane. Una sua poesia sarà pubblicata anche nell’antologia Opera Uno.

Ha partecipato ad importanti iniziative culturali, tra le quali la “Festa della poesia 2010” organizzata da Pordenonelegge, dove ha rappresentato il  Friuli Venezia Giulia.

Parlando della sua scrittura, Natalia Bondarenko afferma:

Inutile dire che le mie strutture poetiche attingono a piene mani alle radici della lingua russa, ma con ben presente la chiave dell’antilirismo e la ricerca di una semplicità sotto forma di modernità e sperimentalismo. Ciò significa dire qualcosa di già sentito ma vestirlo di un vestito nuovo, dire qualcosa che non dovrebbe mai essere udito, mettere al primo posto un pensiero profano, quotidiano, sublimarlo senza esagerare con il “trucco”, senza imbellettarlo troppo. Insomma non un vagabondare del pensiero ma, perché no, salire su di un piedistallo con tutte le debolezze, le profanerie private e  le confidenze che solo una donna sa esprimere.
Presumo di essere anche,  in certi momenti, posseduta dall’ingenuità dell’onnipotenza (ricordo a tale proposito un’espressione di Enzo Spaltro, dedicata a coloro che scrivono versi: chi scrive poesia lo fa perché crede, in fondo, di essere onnipotente). Continuo quindi a non adattarmi, per la mia scelta testarda di scappare a gambe levate dalla classicità così amata in Italia.

Annunci

Opera Uno

Opera Uno. Rassegna di autori, libri e creatività letteraria

.

Questo sito fa uso di cookie

Questo sito, come tutti quelli ospitati sulla piattaforma WordPress.com, utilizza cookie per garantirvi una migliore esperienza di navigazione. Potete rifiutare l'uso dei cookie cambiando alcune impostazioni del vostro browser. Per maggiori informazioni consultate la pagina Privacy.

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo sito e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 152 follower

Alcuni amici di Opera Uno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: